Itinerari

Scalea

Scalea è un comune italiano di 11.022 abitanti della provincia di Cosenza in Calabria. Il territorio comunale, di forma quadrangolare, con la base maggiore di circa 8 km adagiata sul mar Tirreno, ha una profondità verso l’interno di circa 3 km e un’estensione totale di circa 28 km². Esso confina a nord con San Nicola Arcella, ad est con Santa Domenica Talao, a sud-est con Orsomarso, a sud con Santa Maria del Cedro ed a ovest con il mar Tirreno.

San Nicola Arcella

San Nicola Arcella, affacciato sulle acque tirreniche, tra Praia a Mare e Scalea, è una nota località balneare della Riviera dei Cedri situata su di uno strapiombo di 110 m. Vanta un bellissimo tratto di costa con stupende spiagge di sabbia grigia ed un mare cristallino, tra il turchese e l’azzurro. La località è così denominata per via di uno straordinario Arco naturale, scavato dal mare nella dura roccia: l’Arco Magno, che apre la via verso una piccola spiaggia.

Praia a Mare

Praia a Mare è un comune di 6.871 abitanti della provincia di Cosenza. In origine popoloso villaggio di contadini e di pescatori sorto sulle spiagge strette tra il corso del fiume Noce, che a nord segna il confine con la Basilicata ed il contrafforte roccioso oltre la pianura alluvionale del fiume Lao, fu inizialmente la frazione marinara del confinante comune di Aieta. Praia a Mare diviene comune amministrativamente autonomo nel 1928.

Per secoli Praia ha mantenuto integri e vivi usi, costumi e tradizioni della vicina rocca natia. L’etimologia del nome è incerta, anche se ricorda i traffici di merci e di uomini che nell’antichità avvenivano sulla costa Tirrenica: deriverebbe da “Plaga Sclavorum”, spiaggia degli Sclavoni o degli Schiavoni, o da “Plaga Slavorum”, spiaggia degli Slavoni. La cittadina ha subito un notevole sviluppo tra gli anni sessanta e novanta grazie agli investimenti del gruppo Marzotto e della famiglia Agnelli. Oggi, Praia a Mare, che ingloba anche l’Isola di Dino, vive principalmente di turismo.

Maratea

Maratea è una località balneare ricca di fascino e di storia ed è l’unico comune della Lucania che si affaccia sul Mar Mediterraneo.Un mare cristallino lambisce i suoi 30km circa di costa dove incantevoli spiagge si alternano a pareti rocciose a picco sul mare, insenature nascoste e spiaggette inaccessibili se non con una barca. Il piccolo porto offre un approdo sicuro ai tanti diportisti, spesso personaggi famosi, che costeggiano le coste tirreniche.


Diamante

Diamante è soprannominata perla del tirreno. La posizione geografica, i suoi circa otto km. di spiaggia dalle variegate combinazioni di sabbia e di colore, nonché il mare cristallino ed i fondali sempre diversi ne fanno una delle mete turistiche della Calabria. Diamante possiede una delle due uniche isole della Calabria, l’isola di Cirella, un piccolo isolotto dalla forma suggestiva e dalla flora selvaggia dove i fondali sono splendidi e regna la Posidonia argentata.

San Francesco di Paola

Il Santuario di san Francesco di Paola ha una lunga storia, che affonda le sue radici nel lontano secolo XV, quando Francesco maturò l’idea di realizzare una piccola chiesa, come luogo di preghiera per gli eremiti e per i fedeli che vi giungevano. Il “primitivo oratorio” oggi fa parte dei sotterranei del convento e si accede ad esso da una piccola scalinata in prossimità del chiostro. 

Fu costruito circa nel 1436 sulla sponda sinistra del fiume Isca, distante approssimativamente 60 metri dalla sua grotta. L’antico romitorio è dotato solo dell’essenziale, senza alcuna pretesa artistica, ma dall’alto valore spirituale, oltre che storico. Questa cappella così spoglia, realizzata grazie al generoso sostegno dei genitori di san Francesco, può essere considerato luogo di gestazione dell’Ordine dei Minimi.